Palazzo Locatelli - Piazza XXIV Maggio, 22 - Tel 0481.637111, Fax 0481.637112


Ricercje

Ricercje svelte

Ricercje avanzade





Essere cittadino straniero in italia

ISCRIZIONE ANAGRAFICA PER IMMIGRAZIONE DALL'ESTERO

Il cittadino straniero che ha la propria dimora abituale nel Comune di Cormòns, deve richiedere l'iscrizione nell'Anagrafe della Popolazione Residente, per sè e per gli eventuali componenti del proprio nucleo familiare.

Chi trasferisce la residenza dall'estero deve provare al momento della dichiarazione la propria indentità mediante esibizione del passaporto o altro documento equipollente.

Cosa devo presentare?

  • passaporto o documento equipollente in corso di validità di ogni componente il nucleo familiare interessato al trasferimento
  • permesso di soggiorno (o carta di soggiorno)
  • codice fiscale di tutti i componenti il nucleo familiare interessati al trasferimento
  • eventuali documenti originali, tradotti e legalizzati, comprovanti lo stato civile e la composizione del nucleo familiare
  • numero di targa dei veicoli di tutti i componenti familiari interessati al trasferimento
  • estremi della patente di guida italiana di tutti i componenti del nucleo familiare interessati al trasferimento

In caso di iscrizione di cittadini stranieri provenienti dall'estero e quindi non ancora iscritti in anagrafe e con permesso di soggiorno scaduto ed in attesa del rinnovo del permesso di soggiorno, potranno essere iscritti in anagrafe con l'esibizione della ricevuta della richiesta di rinnovo e della fotocopia del permesso di soggiorno scaduto (Direttiva Ministero dell'Interno 5/8/2006), purchè la domanda di rinnovo sia stata presentata prima della scadenza del permesso di soggiorno o entro 60 giorni dalla scadenza dello stesso.

In caso di iscrizione nelle more del rilascio del primo permesso di soggiorno subordinato (Circolare del Ministero dell'Interno n. 16 del 02/04/2007), oltre al passaporto e agli altri domumenti attestanti gli status personali, l'iscrizione è subordinata all'esibizione:

  • del contratto di soggiorno stipulato presso lo Sportello Unico per l'immigrazione;
  • della ricevuta rilasciata dall'ufficio postale attestante l'avvenuta presentazione della richiesta di permesso;
  • della domanda di rilascio del permesso di soggiorno per lavoro subordinato presentata allo Sportello Unico.

In caso di iscrizione per ricongiungimento familiare (circolare n. 43 del 02/08/2007), oltre al passaporto ed agli altri documenti attestanti status personali, dovrà essere esibita la seguente documentazio:

  •  il visto di ingresso;
  • la ricevuta rilasciata dall'Ufficio postale attestante l'avvenuta presentazione della richiesta;
  • fotocopia non autenticata del NULLA OSTA al ricongiungimento rilasciato dallo Sportello Unico

ISCRIZIONE DISCENDENTI DA AVO ITALIANO

I discendenti di avo italiano che intendano avviare in Italia la procedura di riconoscimento della cittadinanza italiana "jure sanguinis" ai fini dell'iscrizione anagrafica devono presentare oltre al passaporto o titolo equipollente in corso di validità, ai fini della dimostrazione della regolarità del soggiorno:

  • per coloro che provengono da Paesi che non applica l'Accordo Schengen l'esibizione del timbro Schengen apposta sul documento di viaggio dall'autorità di frontiera;
  • per coloro che provengono da Paesi che applicano l'Accordo Schengen dovranno esibire copia della dichiarazione di presenza resa al Questore entro 8 giorni dall'ingresso, ovvero della dichiarazione resa ai gestori di esercizi alberghieri e di altre strutture ricettive.

E' necessario ricordare che il timbro o la copia di presenza costituiscono il regolare soggiorno per i primi 3 mesi dall'ingresso o per il minore tempo previsto nel visto.
Scaduti i primi 90 giorni sarà necessario richiedere il premesso di soggiorno.

ISCRIZIONE PER IMMIGRAZIONE DA ALTRO COMUNE

Il cittadino straniero non decade dall'iscrizione anagrafica nella fase di rinnovo del permesso di soggiorno.

Ai fini dell'iscrizione anagrafica per immigrazione da altro comune il cittadino straniero presenta il permesso/carta di soggiorno o la ricevuta comprovante l'avvenuta presentazione nei tempi e nelle formalità previste della domanda di rinnovo del permesso di soggiorno e la copia del permesso di soggiorno scaduto.

ISCRIZIONE ANAGRAFICA PER NASCITA

Anche per i noeonati stranieri l'iscrizione in anagrafe si effettua per nascita. Il neonato sarà iscritto:

  • nell'anagrafe del comune di residenza dei genitori;
  • nell'anagrafe del comune di residenza della madre, qualora i genitori siano iscritti in comuni diversi
  • nell'anagrafe del comune di residenza del padre qualora la madre non sia iscritta in alcuna anagrafe

L'unico caso in cui il nato non viene iscritto in anagrafe è quello della nascita occasionale in Italia da genitori stranieri o comunque da genitori dei quali nessuno sia iscritto in anagrafe.

REGOLARITA' DEL SOGGIORNO

Il permesso di soggiorno è il documento che autorizza il cittadino straniero a soggiornare in Italia. Deve essere richiesto al questore della provincia in cui lo straniero si trova entro 8 giorni lavorativi dal suo ingresso nel territorio dello Stato ed è rilasciato per le attività previste dal visto d'ingresso o dalle disposizioni vigenti.

La regolarità del soggiorno è la condizione fondamentale per l'applicazione della disciplina anagrafica agli stranieri alle medesime condizioni degli italiani.
Il concetto di regolarità del soggiorno non coincide puramente e semplicemente con il possesso di un titolo di soggiorno.

Il  permesso di soggiorno non è necessario per soggiorni di breve durata fino a 3 mesi. In base alla legge 68/2007 per l'ingresso in Italia per visite, affari, turismo e studio non è richiesto il permesso di soggiorno se la durata del soggiorno stesso non supera i 3 mesi.
In tal caso lo straniero dichiara la sua presenza:

  • se proveniente da Paesi fuori dell'area Schengen al momento dell'ingresso all'autorità di frontiera
  • se proveniente da Paesi dell'area Schengen entro 8 giorni dall'ingresso al Questore della provincia in cui si trova secondo le modalità stabilite con decreto del Ministro dell'Interno.