Palazzo Locatelli - Piazza XXIV Maggio, 22 - Tel 0481.637111, Fax 0481.637112


Ricercje

Ricercje svelte

Ricercje avanzade



Tu ti cjatis chi: Comun > Teritori > Lis localitâts > Il Cuei di Cormòns


A la discuvierte dal Cuei di Cormòns

vigneti del collio di Cormons
paesaggio collio cormonese

A cui che al à passion di lâ a cjaminâ i proponìn il percors che e à elaborât cun cure la Comission pes Gjitis de Associazion 'XXX Ottobre', sezion di Triest dal Club Alpino Italiano. Un percors che al puarte a la discuvierte des bielecis naturâls dal Cuei di Cormòns in dutis lis stagjons: miôr di dut vie pe  vierte, cuant che a van in flôr i pierçolârs, i cjariesârs, i mandolârs e altris plantis che ur dan armonie a lis culinis, e vie pal otom, cuant che il paisaç al cjape i colôrs fuarts di cheste stagjon.

Il prin percors al passe par Cormòns, pe Val dal Judri, Ruttars e pe Mont Quarine. A buinore si cjatisi li de stazion, par chei che a rivin cul tren, e di li si partìs. Si passe pal centri de citât par rivâ in place XXIV Maggio, cûr dal centri storic, disegnade un dîs agns indaûr dal architet Podrecca, e si cjape la biele Rive de Tor in bande dal domo di San Dilbert par rivâ li dal 'Porton Ros', il troi che pal solit si cjape par rivâ su la Mont Quarine. Sul imprin nol è facil, ma dopo si cjamine miôr pal bosc di agacis e si rive fin su la place dal cuel; di li si pues lâ sù pai scjalins che a puartin a la glesie de Beade Vergjin dal Socors - cui che al è di Cormòns le clame glesie di Sante Ane - fate sù tal 1636 par volontât dal baron e arcidiacul Luca Del Mestri. Di chi si pues gjoldi di une biele viodude de citât dal alt e po si torne a partî par rivâ sù su la Mont Quarine. Li a son i rescj dal cjistiel che une volte, tor dal secul XIII, al cjapave une biele part dal cuei; cumò e reste nome une tor circolâr di dut chel edifici tant grant.

De ponte de Mont Quarine (a cuote 274 m s.l.m.) si pues rimirâ la grande planure dal Lusinç. Tes zornadis plui claris si rive a viodi ancje il mâr a sud, e la curnîs des Alps e des monts de Slovenie (la Mont Cjanine e il Lavadôr a nord/est). Lant in jù, pal plaçâl dal cuel, si lasse il Porton Ros e si cjape la strade asfaltade par po lassâle a la prime curve; chi al tache il troi che al passe pes 'tieris rossis' (il non ur al da il colôr de la ponche dal cuei), si va jù e si rive tune sielute (si pues rivâ ancje di Breçan).

(copia 2)

paesaggio collio Cormonese
Grappolo di Uva Bianca

[Translate to Friulano:] Da qui ci incamminiamo sul sentiero che sale alla chiesa di San Giorgio (sorta nel 1653 al posto del castello distrutto nel 1257, 157 m./l.m.) che domina la frazione di Brazzano; una sosta, meritata, consente di gettare uno sguardo al di là dello Judrio, dominato dall'Abbazia di Rosazzo e verso Cividale dove si staglia il Matajur.
Ridiscesi a valle costeggiamo lo Judrio sulla strada provinciale e raggiungiamo Trussio, la località in Comune di Dolegna che prende il nome dell'imponente castello risalente al XIII secolo trasformato in un raffinato ristorante. Lo si raggiunge aggirandolo alla base per poi proseguire , attraverso rinomati vigneti, fino a raggiungere Ruttars, altra località in Comune di Dolegna del Collio e famosa oltreché per i suoi vini anche per le sue trattorie. Nella discesa è conveniente lasciare la strada e, attraverso le vigne, raggiungere il fondo valle, una zona attraversata dal rio Fidri e conosciuta come Ca' delle Vallade in territorio cormonese. Qui abbiamo due alternative: o proseguire risalendo la strada fino al valico italo-sloveno di Plessiva e poi ridiscendere, subito a destra, per raggiungere l'entrata al Parco di Plessiva; oppure tagliare subito a destra ed entrare nel parco naturalistico regionale attraversandolo e raggiungere lo stesso punto. Dal parco, dove si possono notare i resti dei depositi di munizioni usati durante la seconda guerra mondiale, risaliamo attraversando località Novali e giungendo in località Montona: siamo immediatamente dietro il Quarin.

Da qui saliamo ancora fino alla sella da dove possiamo raggiungere ancora la sommità del colle o la chiesetta della B.V. del Soccorso; preferiamo invece ridiscendere attraverso la strada di 'casa Paradîs' nei cortili lungo la quale, a maggio, si svolge la Fieste da viarte. Si è fatta sera, siamo di nuovo al punto di partenza, in piazza XXIV Maggio da dove possiamo raggiungere la stazione per far ritorno a casa.

(da 'La collina delle pervinche' testo Claudio Femia)

(copia 3)

paesaggio collio Cormonese
paesaggio collio cormonese