Palazzo Locatelli - Piazza XXIV Maggio, 22 - Tel 0481.637111, Fax 0481.637112


Ricerca

Ricerca rapida

ricerca avanzata





A partire dal 31/12/2011, con l'entrata in vigore del Decreto MONTI, è stata soppressa l'ICI e dall'01/01/2012 è stata introdotta l'IMU. 

Di seguito è possibile scaricare la GUIDA IMU completa di tutte le informazioni necessarie al calcolo dell'imposta:

E' possibile fare il calcolo dell'IMU cliccando sul seguente link: http://www.riscotel.it/calcoloiuc2014/test/?comune=000F
Questo programma consente di stampare anche il modello F24 compilando i dati anagrafici che necessitano anche del codice Comune: B712

IMPORTANTE: le aliquote deliberate dal Comune di CAPRIVA del FRIULI  sono le aliquote base, ovvero 0,4 per cento per l'abitazione principale ed il 0,76 per cento per tutti gli altri immobili.

IMU 2013: COMODATO GRATUITO

Si comunica che con modifica del Regolamento Comunale per l’applicazione dell’Imposta Municipale Propria (I.M.U.) è stata introdotta l’assimilazione all’abitazione principale delle unità immobiliari e relative pertinenze (escluse quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9) concesse in comodato dal soggetto passivo dell’imposta a parenti in linea retta entro il primo grado (figli/e e genitori). Detta assimilazione si riferisce limitatamente alla seconda rata dell’I.M.U., per l’anno 2013.

Per usufruire dell’assimilazione all’abitazione principale il possessore dovrà presentare apposita dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi del D.P.R. 445/2000, attestante il possesso dei sopraccitati requisiti, entro e non oltre il 16 dicembre dell’anno d’imposta.

    REGOLAMENTO IMU MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 41 DEL 30/11/2013

    DICHIARAZIONE I.M.U.

    Cliccando sull'immagine, è possibile compilare la dichiarazione IMU. La versione .pdf in bianco e stampabile, è disponibile nella homepage della sezione Tributi

    ALIQUOTE IMU ANNO 2013

    Il versamento dell'acconto IMU 2013 va fatto entro il 17 giugno 2013 e si prendono a riferimento le aliquote valide per l'anno precedente. Il DL 21 maggio 2013 n. 54 ha sospeso in sede di acconto il versamento delle seguenti categorie di immobili:

    1) abitazione principale e rel. pertinenze, esclusi i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9;

    2) unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e rel. pertinenze dei soci assegnatari, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari (IACP) o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP, istituiti in attuazione dell'art. 93 del DPR 24 luglio 1977, n. 616;

    3) terreni agricoli e fabbricati rurali di cui all'art. 13, commi 4, 5 e 8, del DL 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, e successive modificazioni.

    Il versamento a saldo va effettuato entro il 16 dicembre 2013. In sede di saldo non è dovuto il versamento delle seguenti categorie di immobili:

    1)abitazione principale e rel. pertinenze (esclusi gli A/1, A/8 e A/9),

    2)unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e rel. pertinenze dei soci assegnatari, nonché alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari (IACP) o dagli enti di edilizia residenziale pubblica aventi le stesse finalità degli IACP;

    3)terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola;

    4)fabbricati rurali ad uso strumentale.

    QUOTA RISERVATA ALLO STATO: Ai sensi del c. 380 dell'art. 1 della L. 24 dicembre 2012 n. 228 (Legge di stabilità 2013) e' riservato allo Stato il gettito dell'imposta municipale propria derivante dagli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D, calcolato ad aliquota standard dello 0,76 per cento. Al Comune andrà la parte di imposta eccedente lo 0,76 per cento nel caso in cui il Comune stesso abbia deliberato per tali immobili un'aliquota più alta.

    VERSAMENTO: i versamenti vanno effettuati con modello F24. Essendo stabilita la riserva di legge a favore dello Stato solo per il gruppo catastale D, l'imposta per tutte le altre tipologie di immobili imponibili (altri fabbricati, aree fabbricabili) non si divide tra quota STATO e quota COMUNE, pertanto in questi casi si utilizzano SOLAMENTE i codici tributo rel. alla quota COMUNE. I nuovi codici relativi ai fabbricati D sono riportati nel link sottostante.

    Si rammenta che la normativa e le aliquote di riferimento potrebbero subire delle variazioni in corso d'anno, pertanto prima di effettuare il versamento del saldo 2013 (16 dicembre 2013) si invita a verificare le disposizioni e le aliquote vigenti in tale data.

    ALIQUOTE IMU ANNO 2012

    • DelIMU.pdfDELIBERAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI IMU 2012

    NUOVI CODICI VERSAMENTO IMU PER FABBRICATI D

    MODELLO RICHIESTA RIMBORSO IMU

    DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA D'ATTO NOTORIO PER INAGIBILITA' - INABITABILITA'