Palazzo Locatelli - Piazza XXIV Maggio, 22 - Tel 0481.637111, Fax 0481.637112


Ricerca

Ricerca rapida

ricerca avanzata





IL NUOVO TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI

Dal 1° gennaio 2013 il decreto “Salva Italia” (Art. 14 D.L. 201/2011) ha abrogato il tributo TARSU e introdotto al suo posto il tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES).

In cosa consiste il nuovo tributo?

Il tributo è composto di tre elementi:

  • Tassa comunale sui rifiuti

  • Maggiorazione per la copertura dei costi per servizi indivisibili, pari a 0,30€ x Mq.

  • Tributo provinciale, pari al 4,5% del tributo Tares dovuto dal contribuente (art.19 del D.lgs. 504/92).

E’ abrogata l’addizionale alla TARSU denominata ex Eca (pari al 10%).

Chi deve pagare la Tares?

Chiunque possieda/occupi/detenga locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti (sia utenze domestiche che non domestiche). Il tributo è dovuto con vincolo di solidarietà tra i componenti del nucleo familiare o tra coloro che usano in comune i locali o le aree.

 

Come si attiva o chiude un'utenza?

La dichiarazione relativa all’applicazione del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi deve essere presentata all’Ufficio Tributi del Comune entro il 20 gennaio successivo all’inizio dell’occupazione o detenzione. L’obbligazione tributaria avrà effetto a decorrere dal 1° giorno del bimestre solare successivo a quello dichiarato nella presente denuncia.. La riduzione di superfici tariffarie avranno effetto dall’anno successivo alla presentazione della denuncia

La dichiarazione deve essere presentata dal soggetto detentore dell’abitazione; il titolo della detenzione è dato dalla proprietà, dall’usufrutto e comunque dalla detenzione di fatto.

  • Denuncia utenze domestiche
  • Denuncia utenze non domestiche
  • Denucia utenze non domestiche, superfici esenti
  • Denuncia di cessazione

Sono previste riduzioni o agevolazioni?

Tipologia riduzione

riduzione

Abitazioni ad uso stagionale*

30%

Abitazioni occupate da soggetti residenti per più di sei mesi all'anno all'estero

30%

Compostaggio domestico effettuato tramite composter/attrezzatura analoga

10%

Utenze non domestiche ad uso stagionale*(compresi agriturismi)

30%

Utenze non domestiche che effettuano recupero rifiuti urbani o assimilati mediante ditta specializzata

30%

Immobili situati in aree non direttamente servite dalla raccolta porta a porta (distanti più di 500 metri dal luogo di raccolta)

-80% sulla quota variabile del tributo

Periodi di mancato svolgimento del servizio

tributo è dovuto nella misura del 20% della tariffa

* non superiore a 183 giorni nell’anno solare

 

Tipologia agevolazione

riduzione

Anziano residente/domiciliato in casa di riposo

30%

Abitazione a disposizione (utilizzata per meno di 30 giorni l’anno)

30%

Nuclei familiari con ISEE inferiore ad € 6.000

30%

Nuclei familiari con ISEE da € 6.001 ad € 9.200

10%

 

I soggetti aventi diritto alle riduzioni/agevolazioni sopra riportate devono presentare domanda utilizzando i modelli a disposizione presso l’Ufficio Tributi, entro il 30 settembre 2013. Per le annualità successive il termine per la presentazione delle domande sarà il 20 gennaio.

Quando e come si paga?

Per il solo anno 2013 la Tassa sarà richiesta tramite due emissioni:

  • Luglio: due rate elaborate utilizzando le tariffe del 2012;

  • Novembre: due rate calcolate dal Comune effettuando conguaglio tra quanto richiesto nell’emissione di luglio e quanto dovuto per l’anno 2013 in base alle tariffe relative a tale annualità.

  • La maggiorazione per i servizi indivisibili sarà applicata sull’ultima rata.

Il pagamento dovrà essere effettuato esclusivamente mediante il modello F24 precompilato che il Comune invierà ai contribuenti.

Per le annualità successive, la Tares, sarà richiesta con un unico avviso di pagamento suddiviso in 4 rate scadenti nei mesi di maggio, luglio, settembre, novembre, con facoltà di eseguire il pagamento in unica soluzione entro la scadenza della prima rata.

In base a cosa si determina il tributo comunale TARES?

Il tributo viene calcolato, ripartendo tra le utenze domestiche e quelle non domestiche, in base dalla quantità di rifiuti conferiti complessivamente dalle utenze collocate sul territorio comunale i seguenti costi:

  • Costo del servizio di gestione dei rifiuti
  • Costo dello smaltimento dei rifiuti.

Il costo totale del servizio viene ripartito fra utenze domestiche e non domestiche utilizzando le stime produttive di rifiuti. Utilizzando questi dati, attraverso le formule di calcolo del DPR 158/99, vengono determinate le tariffe per la quota fissa e per la quota variabile da applicare alle superfici assoggettate/N° componenti.

In particolare, la parte fissa è determinata tenendo conto delle componenti del costo del servizio di igiene urbana (investimenti e relativi ammortamenti, spazzamento strade ecc.).

La parte variabile, invece, copre i costi del servizio rifiuti integrato (raccolta, trasporto, trattamento, riciclo, smaltimento) ed è rapportata alla quantità di rifiuti presumibilmente prodotti.

 

Come viene calcolata la tassa per singola utenza?

MODALITÀ DI CALCOLO PER LE UTENZE DOMESTICHE

 

TRIBUTO

+

(superficie “calpestabile” dei locali, ovvero i mq., X tariffa fissa unitaria + tariffa variabile)

MAGGIORAZIONE tariffa per servizi indivisibili comunali

+

(0,30€ X Mq.)

TRIBUTO PROVINCIALE

=

(4,5% del tributo dovuto)

Importo totale conteggiato nell’avviso di pagamento

 

MODALITÀ DI CALCOLO PER LE UTENZE NON DOMESTICHE (classificate in base alle 21/30 categorie merceologiche previste dal D.p.r. 158/99)

 

TRIBUTO

+

(superficie “calpestabile” dei locali, ovvero i mq., X tariffa fissa unitaria della categoria di appartenenza + tariffa variabile della categoria di appartenenza)

MAGGIORAZIONE tariffa per servizi indivisibili comunali

+

(0,30€ X Mq.)

TRIBUTO PROVINCIALE

=

(4,5% del tributo dovuto)

Importo totale conteggiato nell’avviso di pagamento

 

 

Tariffe TARES 2013

 

Con Delibera di Consiglio n. 5/2013 del 4/9/2013 sono state approvate le Tariffe TARES 2013

Normativa di riferimento per il tributo