Palazzo Locatelli - Piazza XXIV Maggio, 22 - Tel 0481.637111, Fax 0481.637112


Ricerca

Ricerca rapida

ricerca avanzata





Tosap

La T.O.S.A.P. è la Tassa per l'Occupazione di Spazi ed Aree Pubbliche (D.Lgs. 507/1993 e modifiche) recepito dal Comune di Cormòns nel Regolamento per le occupazioni di spazi ed aree pubbliche e per l'applicazione della relativa Tassa.

E' soggetto alla tassa chi sottrae all'uso collettivo, in maniera temporanea o permanente, suoli pubblici o privati gravati da servitù di pubblico passaggio, sottosuolo ed aree sovrastanti appartenenti al patrimonio indisponibile dei Comuni e delle Province.

TOSAP TEMPORANEA

Occupazioni temporanee: si considerano temporanee le occupazioni di durata inferiore all'anno.

Chiunque intenda occupare spazi ed aree pubbliche, o gravate da servitù di pubblico passaggio, deve:

  • inoltrare domanda in marca da bollo di euro 16,00 almeno 15 giorni prima dell'inizio dell'occupazione;
  • allegare n.1 marca da bollo da euro 16,00 per il rilascio dell'autorizzazione all'occupazione del suolo pubblico.

La domanda, deve contenere:

  • le generalità complete, la residenza ed il codice fiscale del richiedente;
  • il motivo e l'oggetto dell'occupazione;
  • la durata dell'occupazione, la dimensione e l'ubicazione esatta.

Chi ha ottenuto l'autorizzazione all'occupazione può chiederne il rinnovo almeno 8 gg. prima della scadenza del periodo di occupazione già autorizzato (v. art.7 comma 3 regolamento comunale) compilando la richiesta di proroga.

Qualora l'occupazione interessi anche l'ordinario svolgimento della circolazione stradale, è necessario indicarlo nel modello di domanda barrando la casella relativa ad "Emissione ordinanza per la disciplina del traffico"; in questo modo il competente Ufficio riceverà la copia della richiesta ed emetterà un apposito provvedimento che disciplini temporaneamente la circolazione stessa (esempio: per istituire un divieto di sosta, un senso unico alternato, divieto di transito, ecc.).

Nel caso in cui la strada interessata dall'occupazione non sia di proprietà comunale, sarà necessario il nulla osta dell'Ente proprietario della strada (A.N.A.S., Provincia, ecc.).

Il modello di c/c postale necessario per effettuare il versamento della tassa, se dovuta, viene inviato unitamente all'autorizzazione emessa dall'Ufficio. Il versamento è dovuto entro l'ultimo giorno di occupazione (sia per domanda che per proroga).

RICHIESTA DI PROROGA TOSAP TEMPORANEA

Coloro che hanno ottenuto l'autorizzazione all'occupazione possono richiederne il rinnovo presentando la richiesta di proroga in carta semplice almeno 8 gg. lavorativi precedenti la scadenza dell'autorizzazione.

TOSAP PERMANENTE

Occupazioni permanenti: sono permanenti le occupazioni di carattere stabile, effettuate a seguito del rilascio di atto di concessione e/o autorizzazione, aventi comunque durata non inferiore all'anno, che comportino o meno l'esistenza di manufatti o impianti.


Per le occupazioni permanenti bisogna presentare apposita istanza in marca da bollo da € 16,00 entro 30 gg. dall'inizio dell'occupazione. Inoltre è necessario allegare una marca da bollo da € 16,00 per ottenere il rilascio della concessione.  Per gli anni successivi al primo la denuncia è obbligatoria solo nel caso in cui si verifichino variazioni nell'occupazione permanente.

MODALITÀ DI PAGAMENTO

Il pagamento deve avvenire su specifico modello di versamento sul c/c postale n. 11074499 intestato a: Comune di Cormòns - TOSAP - Servizio Tesoreria avendo cura di compilare tutti i campi presenti nel modello.

 

TARIFFE ANNO 2018

 

 

ESENZIONI

Sono esenti dal pagamento della tassa tutte le occupazioni di cui all’art. 49 del D.L.15 novembre 1993, n. 507:

a) occupazioni effettuate dallo Stato, Regioni, Province e Comuni e loro consorzi, da Enti Religiosi per l’esercizio di culti ammessi nello Stato, da Enti Pubblici per finalità di assistenza, previdenza, sanità, educazione, cultura e ricerca scientifica;

b) le tabelle indicative delle stazioni e fermate degli orari dei servizi pubblici di trasporto, nonché le tabelle che interessano la circolazione stradale, purché non contengano indicazioni di pubblicità, gli orologi funzionanti per pubblica utilità, sebbene la privata pertinenza, nonché le aste delle bandiere;

c) le occupazioni da parte della vetture destinate al servizio di trasporto pubblico di linea in concessione, nonché di vetture a trazione animale, durante le soste o nei
posteggi ad esse assegnati;

d) le occupazioni occasionali di durata non superiore a quella che si sia stabilita nei regolamenti di polizia locale e le occupazioni determinate dalla sosta dei veicoli per il tempo necessario al carico ed allo scarico delle merci;

e) le occupazioni con impianti adibiti ai servizi pubblici nei casi in cui ne sia prevista, all’atto della concessione o successivamente, la devoluzione gratuita al Comune al termine della concessione medesima;

f) le occupazioni di aree cimiteriali;

g) gli accessi carrabili destinati ai soggetti portatori di handicap;

h) le occupazioni di suolo pubblico per manifestazioni politiche o referendarie non viene applicata l’imposta nel caso in cui l'occupazione di suolo pubblico venga effettuata con tavolini o simili, per finalità di ordine politico o referendario ed avvenga durante campagne elettorali o referendarie, purché l’area occupata non ecceda i 10 metri quadrati;

i) in ordine alle facoltà di tassazione di alcune fattispecie di occupazione, previste dall’art. 3 della L.28/12/1995, n.549, la tassa:
non e’ dovuta per le occupazioni con tende o simili fisse o retrattili;
non e’ dovuta per i passi carrabili;
non e’ dovuta per le occupazioni permanenti con autovetture adibite a trasporto  pubblico o privato nelle aree a ciò destinate dal Comune;
non e’ dovuta per le occupazioni permanenti o temporanee del sottosuolo con condutture idriche necessarie per l’attività agricola.

Sono esenti le seguenti occupazioni occasionali:

a) commercio ambulante itinerante: soste fino a 60 minuti;

b) occupazioni sovrastanti il suolo pubblico, con festoni, addobbi, luminarie in occasione di festività o ricorrenze civili e religiose. La collocazione di luminane natalizie è esente quando avvenga nel rispetto delle prescrizioni di cui al vigente Regolamento di Polizia Urbana;

c) occupazioni di pronto intervento con ponti, steccati, scale, pali di sostegno per piccoli lavori di riparazione, manutenzione o sostituzione riguardanti infissi, pareti, coperti di durata non superiore ad un'ora;

d) occupazioni momentanee con fiori e piante ornamentali all'esterno dei negozi od effettuate in occasione di festività, celebrazioni o ricorrenze, purché siano collocati per delimitare spazi di servizio e siano posti in contenitori facilmente movibili;

e) occupazioni per operazioni di trasloco e di manutenzione del verde (es. potatura di alberi) con mezzi meccanici o automezzi operativi, di durata non superiore alle 6 ore.

RICHIESTE DI RIMBORSO

I contribuenti possono richiedere, con apposita istanza, al Comune il rimborso delle somme versate e non dovute entro il termine di tre anni dal giorno del pagamento, ovvero da quello in cui è stato definitivamente accertato il diritto alla restituzione.